Home Ostia Antica Castelli Romani Trasporto e Servizi Chi siamo Contattaci Info
Visita di Villa D’Este
La visite presso la Villa d’Este possono essere svolte sia nel mattino che nel pomeriggio ed hanno la durata di circa 2 ore. La visita di Viilla d’Este segue un percorso che racconta il ruolo del Cardinal Ippolito d’Este nella città di Tivoli.
Tours:
Villa d’Este
Visita Villa d’Este e i sui giardini
La visita di Villa d’Este si sviluppa in circa due ore con incontro direttamente difronte all’ingresso principale della villa o alla fermata dei pulman in arrive da via Tiburtina.Il percorso si svolge con la visita degli appartamenti privati del cardinale Ippolito d’Este per poi scendere e visitare le ben note fontane della villa.Ideatore e fondatore di Villa D’este a Tivoli fu il Cardinale Ippolito II d’Este (1508-1572), figlio di Alfonso I, terzo Duca di Ferrara e di Lucrezia Borgia. Ippolito fu uomo colto e intelligente, cresciuto ed educato nell’ambiente fastoso e raffinato della Corte Estense, uno dei maggiori centri politici e culturali dell’Italia, fu nominato Cardinale nel 1538 e inviato come Legato pontificio in Francia, dove si impose all’attenzione della corte per l’abilità politica e la spiccata personalità’, godendo della protezione e dell’amicizia del Re FrancescoI. Eletto da papa Giulio III governatore di Tivoli, entro’ solennemente in città nel 1550, prendendo possesso dell’antico monastero benedettino di S. Santa Maria Maggiore, oggi san Francesco, sede del governo della città di Tivoli. Per i gusti e le abitudini raffinate di Ippolito II abituato non solo al fasto e alla mondanità delle corti europee, ma a circodarsi dipotenti uomini politici, di artisti, scienziati e letterati, la residenza a lui riservata dovette apparire assai modesta e inadeguata al suo rango. Dopo poco più di un mese di permanenza a Tivoli diede il via al progetto che li a vent’anni avrebbe portato alla realizzazione di una delle più straordianrie dimore storiche con giardino all’italiana del cinquecento. Nel 1572 Villa d’Este era completata; nello steso anno Ippolito II cessò di vivere. Rimasto in prorpietà agli Estensi, l’enorme complesso passò per successione ereditaria alla Casa d’Asburgo, che poco si curò dello stato di Villa D’este e della manutezione dei giardini della famiglia d’Este.... altre info
Indietro
P. IVA 11332771002 - Licenza n. 3209

© 2018 | Guida Turistica Tivoli | Contatti: a.innocca@tiscali.it
www.professionalromeguide.com | www.italyiloveyou.com